Family OfficeFinanzaMutuiProprietàPrestito ipotecario vitalizio: cos’è, come funziona e quali sono i vantaggi

27 Luglio 20230
Introduzione

Il prestito ipotecario vitalizio, noto anche come reverse mortgage, è uno strumento finanziario che negli ultimi anni sta prendendo piede anche in Italia. Si tratta di un prestito che permette ai proprietari di casa di convertire il valore del proprio immobile in denaro liquido, senza dover vendere o rinunciare alla proprietà della casa.

Il prestito vitalizio è rivolto principalmente agli over 60 proprietari di un immobile, che possono ottenere una somma di denaro da restituire solo alla morte o al trasferimento della proprietà. Questo consente di integrare il reddito in età avanzata, mantenendo comunque il diritto ad abitare nella propria abitazione.

Vediamo quindi più nel dettaglio in cosa consiste il prestito ipotecario vitalizio, come funziona e quali sono i vantaggi che può offrire.

 

Cos’è il prestito ipotecario vitalizio

Il prestito ipotecario vitalizio è un finanziamento che permette di ottenere denaro contante utilizzando come garanzia il valore dell’immobile di proprietà. A differenza dei normali prestiti ipotecari, non prevede il rimborso mensile di rate ma la restituzione integrale in un’unica soluzione al termine del contratto.

Questo termine coincide, nella maggior parte dei casi, con il decesso del beneficiario o il trasferimento di proprietà dell’immobile. Fino ad allora, chi ottiene il prestito vitalizio può continuare ad abitare nella casa e non deve preoccuparsi di pagare rate o interessi.

I prestiti vitalizi sono concessi solitamente a partire dai 60 anni di età e l’importo dipende dal valore dell’immobile, che viene stimato al momento della richiesta. Mediamente, si può ottenere un finanziamento fino al 50% del valore della casa.

 

Come funziona

Vediamo più nel dettaglio come funziona un prestito ipotecario vitalizio.

Il proprietario dell’immobile, che deve avere almeno 60 anni, presenta richiesta per il prestito vitalizio presso un istituto di credito o società finanziaria. Viene effettuata una valutazione della casa da parte di un perito per stimarne il valore di mercato. Sulla base del valore dell’immobile viene definita la somma massima erogabile con il prestito vitalizio.

Una volta concordato l’importo, il proprietario riceve il denaro sotto forma di erogazione iniziale o di rendita mensile. Da questo momento non deve più preoccuparsi di rimborsare il prestito, che si estingue alla sua morte o quando l’immobile viene venduto o ceduto.

Gli eredi possono estinguere il debito residuo versando la cifra stabilita al momento della stipula del contratto oppure possono ripagarlo vendendo l’immobile e trattenendo la parte eccedente il debito. In alternativa, se vogliono tenere la casa, possono rimborsare per intero il prestito ereditato.

La banca o istituto finanziario recupera quindi il credito concesso al momento della vendita dell’immobile, trattenendo le somme prestate e versando l’eventuale surplus agli eredi. Nel frattempo, il beneficiario del prestito vitalizio non deve preoccuparsi di rimborsare alcunché e può godere di un’integrazione del suo reddito.

 

I vantaggi del prestito vitalizio

Il prestito ipotecario vitalizio presenta diversi vantaggi, in particolare per gli over 60 proprietari di casa.

– Integrazione del reddito. Il denaro ottenuto con il prestito vitalizio può incrementare sensibilmente le entrate mensili di pensionati o anziani con redditi modesti. Si possono affrontare più serenamente le spese di assistenza o le cure mediche.

– Nessuna rata da rimborsare. Non ci sono rate, interessi o quote capitale da pagare ogni mese. Gli anziani non devono preoccuparsi di sostenere nuovi costi ma possono beneficiare di maggiori entrate.

– Nessun rischio di pignoramento. La casa resta di proprietà di chi ottiene il prestito vitalizio e non può quindi essere pignorata. Si evita il rischio di espropriazione che potrebbe verificarsi in caso di mancato pagamento delle rate di un mutuo ipotecario tradizionale.

– Permanenza nell’immobile. Il proprietario può continuare ad abitare nella sua casa e non è obbligato a traslocare altrove.

– Liquidità immediata. I tempi per ottenere il denaro sono relativamente brevi, senza lunghe e laboriose procedure di approvazione.

– Nessuna patrimoniale. Il prestito vitalizio non intacca il patrimonio o la successione degli eredi, poiché viene rimborsato dal ricavato della vendita della casa.

– Costi accessibili. I costi per l’istruzione della pratica e gli interessi sul finanziamento sono piuttosto contenuti.

 

Conclusione

Il prestito ipotecario vitalizio è quindi una valida soluzione per gli anziani che desiderano integrare il reddito senza rinunciare al diritto di vivere nella propria abitazione. Consente di convertire in liquidità una parte del valore dell’immobile, generando disponibilità finanziarie aggiuntive.

A fronte di costi e interessi relativamente contenuti, questo strumento finanziario offre importanti vantaggi per il benessere psicofisico degli over 60. Permette loro di affrontare con maggiore serenità le spese e le difficoltà della vecchiaia, evitando anche il rischio di morosità nel pagamento di mutui e finanziamenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

HAI DELLE DOMANDE? VUOI CHIEDERE UN PREVENTIVO GRATUITO?

    CONTATTII nostri esperti
    possono aiutarti

    CONTATTACI

    Compila il form e ti ricontattiamo per valutare insieme la soluzione più adatta a te

    INFORMAZIONI LEGALI

    flavio.moretto@legalmail.com

    OCF CFA iscr. n.1918 del 04.05.2022
    EFPA ESG Advisor Cert. Nr. IT202221936
    N° iscrizione RUI: B000609294
    FERMA Rimap Cert. n. 20200262